Visitiamoci! – Trepuzzi-Cerrate-Casalabate

casalabate - Copia

In un giorno caldissimo (18 luglio 2015) alle ore 8.30 abbiamo iniziato la nostra visita a Trepuzzi, incontrando tutti i partecipanti alla Stazione.

Grazie ad una guida, siamo entrati nella storia di Trepuzzi, cittadina, in passato, sempre pronta a difendersi dai pirati provenienti dal mare.

Ci siamo incamminati verso un frantoio ipogeo, molto grande e interessante costituito da piccole stanzette e oggetti dei vecchi tempi, nascosto agli occhi di chi non lo conosce.

Abbiamo proseguito la visita, visitando la Chiesa Nuova, che “tanto nuova non è”, alcune piccole cappelle (Cappella dell’Assunta e Cappella di Sant’Antonio Abate), con la madonna del latte e quella costruita lungo la via Francigena rispettivamente, ed infine la Chiesa Matrice intitolata a San Giuseppe Patriarca.

Abbiamo proseguito il nostro itinerario, visitando l’abbazia di Cerrate. Il restauro del complesso monastico è quasi finito, e abbiamo anche l’idea di quanto bello sarà e di quanto bello era in passato.

A Casalabate abbiamo visto l’Ancora Romana, in legno all’interno della Lega Navale Italiana.

Michela Fanciano

(9 anni)

 

Prossimo appuntamento a Squinzano il 5 settembre!

 

casalabate2

Vivi S. Isidoro – Programma estivo

logo proloco s isidoro

Il sole è alto!

La bianca sabbia scotta!

…e le meritate vacanze estive sono alle porte!

S. Isidoro è pronta e quest’anno con una Proloco che si veste di nuovo per dare un chiaro segnale di presenza.

Venerdì 10 luglio alle ore 19 presso la sede della Proloco di S. ISIDORO, avrà luogo la Conferenza Stampa di presentazione del programma estivo 2015 “VIVI S.ISIDORO”.

Obiettivo?….diventare una frizzante località marina, cuore dell’estate e colorarsi di nuovo.

Un programma ricco di eventi, due mesi tra arte, musica, tipicità salentine, cinema e sapori, per dare a S.Isidoro ed ai suoi abitanti un gran da fare in ogni sera di questa calda estate.

Nuove sinergie, impegno e voglia di cambiare registro.

Un’estate, quella della Proloco di S. Isidoro che vede la collaborazione di varie realtà che desiderano dare un importante segno di partecipazione e di impegno.

La Conferenza Stampa sarà piena di sorprese e novità e vedrà la presenza di istituzioni, realtà associative e produttive e di una nota ed importante personalità dello spettacolo internazionale, Al Bano Carrisi, che ha dimostrato interesse e attenzione per S. Isidoro.

Saranno presenti, inoltre, il Neoassessore Regionale al Lavoro e Formazione, Sebastiano Leo; il Sindaco di Nardò, Marcello Risi, l’Assessore al Turismo del Comune di Nardò, Maurizio Leuzzi; il Sindaco di Copertino, Sandrina Schito, l’Assessore al Turismo e alla Cultura del Comune di Copertino, Cosimo Lupo, i rappresentanti di Legambiente, l’Associazione Amici Insieme di Nardò e tutti coloro che hanno a cuore il presente e il futuro di un centro palpitante del Salento d’estate.

Tutti insieme per promuovere e incoraggiare l’impegno di un territorio ricco di storia e bellezza.

Sarà un’estate carica di sorprese e di eventi per grandi e piccini.

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

Programma VIVI S.ISIDORO Proloco Sant'Isidoro

L’Estate bella bella di Copertino 2015

estate bella bella

Giovedì 9 luglio alle ore 18.30 presso la Biblioteca Comunale del Comune di Copertino verrà presentata l’intera programmazione dell’Estate copertinese 2015.

Un intenso programma nei mesi estivi in cui daremo vita ad una Copertino dinamica e in fermento.

Numerose le iniziative organizzate in collaborazione con una cittadinanza attiva e creativa che desidera animare una città anche nei mesi estivi.

Luglio, agosto e settembre all’insegna della musica, del teatro della danza e della cultura per una Copertino che sfida il caldo dell’estate.

Ogni giorno sarà dedicato ad iniziative diverse in tutti gli angoli della città, in cui associazioni, gruppi teatrali, band musicali allieteranno le serate.

La conferenza stampa rappresenterà un momento di condivisione e pubblicità della programmazione estiva 2015 ma anche un momento in cui verranno comunicati progetti e iniziative di notevole interesse culturale e sociale.

Sarà un’estate ricca di sorprese e di eventi per grandi e piccini.

Con la presente Vi invitiamo a partecipare e dare il via con noi all’estate 2015!

Sindaco _ Sandrina Schito

Assessore alla Cultura – Cosimo Lupo

Festival Internazionale delle Arti – IV edizione

PROGRAMMA ARTISTICO

CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DEL TEMA DEL FESTIVAL: L’ARTE E LA NATURA – 9 luglio 2015, ore 19:00 – Copertino, Chiesa di Santa Chiara – Ex Convento delle Clarisse

Conferenza di presentazione del tema della IV edizione del Festival da parte dei principali protagonisti del Festival, tra i quali:

• il maestro Salvatore Cordella, direttore artistico del Festival;

• il maestro Giuseppe Vessicchio, co-direttore artistico del Festival;

• l’architetto Juan Linton, architetto-designer;

• il dottore Angelo Carlo Licci, responsabile scientifico.

NIGHT OF DREAMS – Gran galà lirico: Il Belcanto nel Belpaese – 11 luglio 2015, ore 21:00 – Copertino, Atrio del Castello Angioino

In una serata dedicata al Belcanto, si cercherà di riscoprire tutti gli aspetti di questa forma d’arte, saltando dal sacro al profano, dalla farsa giocosa al misticismo più puro ed elevato, dallo sfoggio di esaltato virtuosismo al momento di rara commozione.

L’Italia è il Paese del Canto e alcune Regioni hanno contribuito in maniera determinante a consolidare questo suggestivo primato. In particolare la Puglia e il Salento sono stati generosi nel dare i natali a grandi talenti. Basti pensare a cantanti lirici come Tito Schipa o fenomeni vocali come, nel campo della musica leggera e nella canzone, Albano, Alessandra Amoroso, Emma, i Negramaro. Ma questo fenomeno ha radici più antiche.

Sfogliando gli archivi locali si trova che pugliesi e salentini in particolare sono stati grandi madrigalisti, come Stefano Felis, Efrem Muzio e Pomponio Nenna, che tanto alto contributo hanno dato alla nascita della cosiddetta Scuola Napoletana. Grandi compositori, come Leonardo Leo, hanno poi dato vita a quel meraviglioso e misterioso processo creativo che ha portato alla nascita del Melodramma, divenuto l’eccellenza italiana nel mondo. Anche compositori come Nino Rota portano in musica la caratteristica saliente di questa speciale Regione: la predilezione per il canto monodico e la ricerca del bello nell’invenzione melodica.

Si è pensato che questa specialissima disposizione al canto tragga origine dal fatto che la Puglia sia stata il primo punto di approdo della comunità greca nella penisola italiana. E, nel prendere in esame le diverse modalità compositive, dall’aria al duetto, dal terzetto al concertato finale, si avrà la possibilità di riconoscere l’affinità e il forte legame segreto fra le prodigiose bellezze musicali ed il fascino incantato di questa terra generosa.

In coerenza con la generosità della terra salentina, nel corso della serata sarà data l’opportunità a due giovani artisti emergenti (il soprano Shin Siu ed il Basso Antonio Di Matteo) di debuttare nel loro primo concerto lirico, con l’assegnazione del Premio “Germogli d’arte” ed il conferimento di relativa borsa di studio.

Le esibizioni vedranno come protagonisti importanti personalità italiane e straniere tra le quali si segnalano, su tutti, il Tenore Salvatore Cordella, l’organico strumentale “Sesto armonico”, l’animazionea cura di Hermes Mangialardo, Piero Schirinzi ed Andrea Raho. Narratore e direttore Sergio La Stella, Ideatore e regista Giuseppe Vessichio.

RAPPRESENTAZIONE TEATRALESakara 14 Luglio 2015, ore 21:00 – Copertino, Atrio del Castello Angioino

La Compagnia Teatrale “Calandra” andrà in scena con “Sakara” di Donato Chiarello. Con: Donato Chiarello, Miryam Mariano, Antonio Giuri – Regia di Giuseppe Miggiano.

“E’ un atto d’amore, anzi un ‘ratto’ d’amore, una visione di cinque secoli fa intorno alla vicenda dei turchi e del Salento. Un Salento vissuto in prima persona tra rocce, mare, alberi d’ulivo e fichi. Il filo rosso che conduce per mano chi Aspetta (gli A-spettatori) è la canzone anonima del ‘600 “la rondinella”, struggente, rauca e misteriosa. E misterioso è il mito dell’incontro amoroso tra la sakara, ‘che è un serpe di terra, e la murena, che è un serpe di mare’.

E’ la storia di Fiamma (nello spettacolo non apparirà mai) che viene rapita dai turchi nella infausta presa di Otranto. Ma è anche la storia dell’innamorato di Fiamma, Angelo, che non riesce, sulle prime almeno, a salvarla, ma che ci mette l’anima, si gioca il proprio coraggio tra ricordi dell’infanzia, attaccamento morboso alla terra su cui vive e gli alberi che, come lui, vi attecchiscono.

E’ soprattutto la storia di Agata, mamma di Angelo, la rondinella ‘in nuce’ che morirà per spada ottomana e che però, prima di morire svelerà al figlio il segreto di Fiamma; ma anche il mito della sakara e della murena. Sullo sfondo Edoardo, zio di Angelo, innamorato segretamente di Agata, ed infine Idrusa, personaggio ambiguo, misterioso ma reale nel contempo.

E poi loro, gli ulivi e i fichi, i cui rami, alla luce fioca della luna e dell’alba, sembrano confondersi con l’atto amoroso di serpenti d’acqua e di terra.” (Donato Chiarello)

Lo spettacolo sarà arricchito dalle riflessioni sui problemi ambientali, recitate in lingua grika, da abitanti della Grecia Salentina, ovvero Luigi Tommasi, Giuseppe De Pascalis ed altri, intitolate “Loja j’agapi tis glossama cau sta steria” (Parole per amore della nostra lingua sotto le stelle).

Lo spettacolo, icona di una “salentintà” storica e che ha interessato il Ministero della Cultura di varie nazioni e farà tappa, nei prossimi mesi in Spagna e in Perù, sarà animato dalle esibizioni dei Khaossia, affermata ethno ensemble salentina,e dalle performances dei visual artist Hermes Mangialardo, Piero Schirinzi ed Andrea Raho.

CONFERENZA IN ARTECantaci Albero15 luglio 2015, ore 19:00 – Copertino, Castello Angioino – Sala Angioina

La conferenza sarà condotta in modalità dialogica e artistica, con i relatori che aderiscono ad una visione sistemica. Alla tavola rotonda parteciperanno, tra gli altri:

• il dottore Angelo Carlo Licci, dirigente medico del DSS di Maglie, esperto in medicina naturale ed in etno-omeopatia;

• il prof. Salvatore Colazzo, docente di Pedagogia Sperimentale (SSD: M-PED/04) nonché Preside della Facoltà di Scienze della Formazione, Scienze Politiche e Sociali e Direttore del Master di II Livello in “Pedagogia della Salute”, Università del Salento;

• il maestro Giuseppe Vessicchio, direttore d’orchestra e arrangiatore, nonchè co-direttore artistico del Festival;

• l’architetto Johan Linton, designer, docente e ricercatore dell’Università di Goteborg;

• la dott.ssa Angela Serafino, arte-terapeuta.

Introduce il maestro Salvatore Cordella, direttore artistico del Festival, e l’assessore Cosimo Lupo.

A seguire il maestro Scipione Sangiovanni, al quale sarà conferito il “Premio Internazionale delle Arti”, eseguirà “Le quattro stagioni” di Antonio Vivaldi, in una originalissima trascrizione per pianoforte.

IL VIRTUOSISMO IN MUSICA: Lettere da Napoli 18 luglio 2015, ore 21:00 – Copertino, Atrio del Castello Angioino

I vari secoli di storia della “canzone napoletana” permettono a questo spettacolo di proporre un’offerta musicale davvero unica sia per varietà stilistica che per elementi tematici. Se pure il “secolo d’oro” si snoda tra la metà dell’Ottocento fino all’immediato dopoguerra, è altrettanto vero che le tracce che lo ispirano sono altrettanto celebri così come i retaggi che ricadono sugli anni successivi. Quindi non solo “io te vurria vasà”, “Santa Lucia luntana” e “Spingule frangese”, ma anche “Fenesta vascia” e “jesce sole”, fino a spingersi a “Guaglione” e “O sarracino”.

La grande varietà delle vocalità presenti sul palco costituisce un’ulteriore valorizzazione del repertorio che da sempre ha goduto dei molteplici stili interpretativi ma che raramente è proposto in un unico spettacolo: dalla voce naturale, calda e melismaticamente napoletana di Emanuela Loffredo a quella altrettanto naturale ma spinta e di coloritura etnica di Francesco Castiglia, atta a rappresentare anche il carattere “buffo” di alcune composizioni; dalla liricità leggera ma profonda ed incisiva del tenore Salvatore Cordella, elemento canoro di maggiore ispirazione dei compositori ottocenteschi, all’altrettanto lirica ma sinuosa ed evocativa voce del soprano napoletano Giacinta Nicotra.

Quattro voci, quattro stili che si incrociano dando vita ad un unico strumento che, supportato da attenti arrangiamenti, esalta con maestria i già noti valori di questo illustre repertorio, presentato nella originale forma di un viaggio epistolare tra i reperti autentici scritti dai relativi autori.

Le specialità strumentali utilizzate, come il mandolino e le percussioni popolari (tammorra, tamburello), non disgiunte da quelle classiche (chitarra, legni, contrabasso, pianoforte e quartetto di archi), donano la necessaria etnia sonora ai brani eseguiti nel concerto.

I brani eseguiti nel concerto sono scelti e curati da Giuseppe Vessicchio, che firma anche la regia dello spettacolo.

La direzione musicale dell’esperto e studioso Maurizio Pica, a capo dell’organico di undici solisti che costituisce il motore musicale generante la rappresentazione, è l’ulteriore valore aggiunto di questo spettacolo altamente coinvolgente.

Tradizione e rigore storico ma anche adattamento e rispettosa reinvenzione, secondo l’eterna ricetta per proporre un passato al presente, anche grazie alle proiezioni dei Visual Artist: Hermes Mangialardo, Piero Schirinzi ed Andrea Raho.

 

 

arti

XIV Premio Salentino

Prende il via l’evento “Premio Salentino”, festival musicale nazionale cristiano per cori (parrocchiali – polifonici – gospel) e per giovani cantanti in uno straordinario momento di aggregazione giovanile, di vita ecclesiale e di testimonianza, ed anche concreta esperienza culturale e di solidarietà.

Il Premio Salentino, iniziativa dell’Associazione Salentino Soul Music di Copertino, con la collaborazione della Diocesi di Nardò-Gallipoli, il patrocinio della Città di Copertino, della Provincia di Lecce e del Gal Terra d’Arneo, desidera testimoniare la Lieta Notizia attraverso la musica e il bel canto.

Il successo delle passate edizioni porta l’Associazione Salentino Soul Music a proporre la XIV edizione del Premio Salentino sabato 04 luglio 2015 alle ore 20.00 presso il piazzale del Santuario della Grottella.

Il tema proposto quest’anno è “L’uomo canta il canto nuovo” e sarà mandato in onda su TV2000, canale 28 del Digitale Terrestre e 142 di Sky.

invito-1200x574

 

Saluti del Coordinatore del Premio Salentino

L’Associazione “Salentino Soul Music” giunta alla 14° edizione del Premio Salentino, rinnova con gioia l’appuntamento annuale dell’evento Copertinese, inserito nel programma pastorale dell’Ufficio  Musica Sacra della Diocesi di Nardò-Gallipoli.

Una bellissima esperienza che coinvolge attraverso la musica “ispirata” alla Fede in Gesù Cristo Signore del Tempo e della Storia, Amore che salva e dona la Vita Eterna all’umanità. L’evento ci coinvolge nella sua totalità attraverso la musica, affinchè tutti insieme possiamo cantare  “il Canto Nuovo“ della Misericordia del Padre, che Gesù ha insegnato con la sua vita, all’uomo di tutti i tempi. E’ nostro desiderio, vivere la bellissima serata del Premio Salentino con la consapevolezza, che l’Amore del Signore ci sostiene ogni giorno per essere nuovi nella ricerca del “Cielo“ e vivere l’impegno cristiano come Testimoni della Carità.

Ringraziamo i protagonisti del Premio Salentino, i quali provenienti da tutto il territorio Italiano hanno affrontato molteplici difficoltà per cantare l’amore del Signore che abbraccia l’intero Universo e rinnova con la Sua Parola ogni creatura. Auguriamo a tutti coloro che partecipano al Premio Salentino, di sperimentare nella vita la gioia del Risorto, e con animo disponibile siano pronti a edificare sempre ed ovunque il Regno di Dio.

Sac. Pietro Paolo Inguscio