XXIII Concorso “Presepe in Famiglia” – Premiazione

In data 05 Gennaio  2015 alle ore 17.00 si è riunita nella sede dell’Associazione Pro Loco la Commissione per esaminare i presepi iscritti al XXIII Concorso “Presepe in Famiglia”.

La Commissione è composta da:PRESEPE IN FAMIGLIA 2014 co

  • Presidente Luca NOLASCO
  • Vice Presidente Tiziano IACONISI
  • Consigliere Responsabile Antonio DELLA PACE
  • Consigliera Daniela TRINCHERA
  • Segretario Mario NESTOLA

I presepi realizzati dai concorrenti e visionati sono tutti meritevoli di elogio per l’impegno profuso nella realizzazione dei particolari, degli aspetti tematici e delle proporzioni prospettiche per l’allestimento di ognuno di essi.
Dall’esame dei presepi effettuato sul posto, fotografati e filmati dal Socio Riccardo D’OSTUNI, è stata stilata la seguente graduatoria:

 1° CLASSIFICATO

MARROCCO  Piero: Presepe posizionato ad angolo in uno spazio di notevoli dimensioni.

IMG_2950

La struttura è tradizionale con alture, colline e vallate, arricchita da elementi artigianali e strutture in legno, sughero e pietra locale, con lo sfondo paesaggistico dipinto manualmente.

I personaggi del presepe sono realizzati tutti in terracotta e le varie capanne, costruite magistralmente dall’autore, sono tutte illuminate, all’interno delle quali sono posizionati dei pastori rappresentanti i vari mestieri tipici.

Inoltre sono presenti ampi spazi verdi con arbusti e coltivazioni varie ai bordi dei quali sono visibili attrezzi per la coltivazione del terreno.

 

2° CLASSIFICATI  EX-ÆQUO

F.lli TRONO Giulio e Alessandro: Presepe tradizionale, tipicamente salentino, pianeggiante, con costruzioni realizzate con materiale naturale (tufo, cartone, legno, ecc).IMG_2900

L’interno degli ambienti rispecchia esattamente gli arredi e gli addobbi delle nostre case tradizionali. In un ampio spazio antistante le costruzioni è situato un artistico pozzo realizzato in maniera raffinata in pietra leccese.

Inoltre si notano: una masseria,  alcuni costruzioni rurali tipiche, con cortili recintati e nel loro interno greggi circondati da campi coltivati e con  arbusti, cespugli, fichidindia ed  altre piante.

Risalta la caratteristica costruzione di un trullo salentino ‘lu furnieddru’ realizzato con pietre a secco.

Freschezza ed eleganza colpiscono emotivamente il visitatore.

 

MAIORANO Fiorenzo: Tipico presepe tradizionale con colline verdeggianti, abbastanza grande, arricchito ai lati da rami di ulivo, mirto e cespugli mediterranei.

IMG_2911Le costruzioni sono state realizzate artigianalmente con conci di tufo, con coperture in legno e tegole ottenute da canne sezionate.

In alcuni ambienti sono raffigurati tipici mestieri salentini. Si notano due pozzi con antistante un gregge sorvegliato dal pastore e nelle vicinanze della stalla un carretto trainato dall’asino.

L’elemento più caratteristico ed importante del presepe che colpisce l’attenzione del visitatore è la capanna della Natività, sia per la sua grandezze che per la cura dei dettagli interni ed esterni.

 

 

MANCA Sergio: Presepe molto gradevole realizzato su un piano pianeggiante e arricchito da moltissime costruzioni raffiguranti case mediterranee, illuminate internamente, con porte tipiche e vetrate trasparenti, con IMG_2982comignoli, terrazze, scalette, fontane, un trullo tipicamente salentino e componenti d’arredo realistici.

In fondo al piazzale, sulla torre campanaria della Chiesa, è situato un tipico orologio solare e l’immagine della Madonna della Grottella  che campeggia sul portale della stessa. Una cuccagna tradizionale si erge al centro della piazza con i caratteristici doni appesi in cima.

Primeggia la Natività posta in primo piano sotto un antico porticato.

La composizione è limpida, lineare e gradevole all’osservatore.

 

3° CLASSIFICATI  EX-ÆQUO

PARROCCHIA SAN GERARDO: Presepe mediterraneo con case costruite completamente con conci di tufo in proporzione alla struttura e montati nello stile tradizionale. A sinistra prevale una costruzione collinare con vari IMG_2958piani adibiti a grotte e stanze, all’interno delle quali sono situati personaggi  raffiguranti la vita quotidiana e mestieri vari.

Si evidenzia un mulino a vento con pozzo, una cascata con laghetto e poco distante un gregge sorvegliato da un pastore in un recinto ben costruito.

Al centro del presepe primeggia una lucerna costruita artigianalmente.

A destra vi è la rappresentazione della Natività in una grotta costruita  in conci di tufo e in alto sullo sfondo del cielo azzurro spicca luminosa la stella cometa.

 

PINTO Dario: Presepe tradizionale e collinare, con elementi in movimento tra cui un mulino ad acqua, un falegname con attrezzi e una cascata.IMG_2880

Le capanne e le grotte sono state in parte realizzate con sughero e corteccia d’albero. L’opera è caratterizzata da un pozzo e da diverse abitazioni tra cui una Chiesa. Le colline sono tutte realizzate in carta roccia.

L’interno del presepe è ben illuminato con varie fonti di luci e una bellissima costellazione di stelle sovrasta la grotta della natività con la stella cometa.

Molto originale è la rappresentazione del pastore con il piffero a cavallo che guida i Re Magi verso la grotta.

 

CASTRIGNANÓ Gianluca: Presepe incastonato in un’alcova, di un mobile bianco, impostato su due piani ben IMG_2862divisi ma uniformi nella composizione con uno sfondo azzurro su cui spiccano nella parte superiore schiere di angeli osannanti in festosa elevazione; case bianche e colorate con lo sfondo alberato e con statuine varie tra cui si nota la figura di San Francesco, poi un bel gregge in movimento con pastore alle cui spalle spicca la costruzione della Porta di San Giuseppe Nostro con sopra la relativa statua. Nella parte inferiore una costruzione con archi, in uno dei quali è situata la Natività, presso cui si nota la figura bianca del Santo Padre Paolo Giovanni Secondo, benedicente, con alcuni agnellini vicino.

In alto due bellissimi angeli che sembrano sospesi nel vuoto, accanto alla grotta la figura della Beata Madre Teresa di Calcutta con in braccio un bambino e rami verdi su cui svolazzano bianche colombe in segno di profonda pace.

 

 

RAHO Vito: Presepe elaborato e curato in ogni particolare. Molto ricco di mestieri tutti con movimento meccanicoIMG_2934 tra cui: fabbro, falegname, calzolaio, fornaio, pizzaiolo, panettiere, tessitrice, lavandaie, tutti completi di attrezzature e oggetti vari, costruiti con cura dall’autore. Ogni singola grotta è ben illuminata ed evidenziata.

Il presepe si sviluppa su tre piani ricchi di strutture sapientemente realizzate ed illuminate con varie fantasie di luci.

Il presepe per la sua vastità ha comportato notevole lavoro certamente eseguito con passione e tanta volontà da parte dell’autore.

 

4° CLASSIFICATI  EX-ÆQUO

NESTOLA Giuseppe:  Presepe tradizionale di grandi dimensioni, ricco fino all’eccesso di vari elementi tipici della IMG_2849struttura presepiale e non, facendo assumere quasi l’aspetto di un bazar. Campeggiano oggetti di terracotta, in plastica, piantine verdi e fiorite come le stelle di natale rosse, frutta varia (mele, pere, melagrane, pigne, fichidindia, meloni ecc.) ed ancora una forma di formaggio fresco, caramelle e dolci.

Alcune statuine piccole e grandi si portano verso la grotta della Natività, altre sono situate all’interno di case rappresentanti mestieri vari; poi greggi e pastori, un grande gallo che canta, due babbi natale che suonano e si muovono.

Sono sparsi fuocherelli accesi e ruscelli di acqua che scorre, ecc.

Certamente l’autore ha profuso impegno e tanta volontà per la realizzazione dell’opera.

 

IMG_2885

MARTINA Antonella: Presepe caratterizzato da tre sfere di tralci d’uva su una base circolare, completamente innevata da cotone idrofilo, sostenuta da un cilindro bianco.

L’opera è elegante, fine, degna di un’esposizione in vetrina e quindi armoniosamente inserita nella sala della parrucchiera, autrice dell’opera.

 

 

 

–  MUCI Andrea:Tipico presepe tradizionale di dimensioni medie la cui struttura è situata tra colline e promontori. IMG_2972

Arricchita da casette, pozzi e da alcune  scalinate; tutto adornato con piantine grasse.

Alcuni pastori sparsi nel presepe raffigurano vari mestieri.

Ben illuminato con luci bianche e colorate.

 

 

 

 

PREMIO SPECIALE

CICCARESE Bruna: Presepe di media dimensione situato sul piano di un mobile ad un unico livello e sullo sfondo una raffigurazione di montagne colorate.

L’opera è caratterizzata per la sua unicità in quanto è stata realizzata completamente con la tecnica dell’uncinetto, a partire dai trenta personaggi, dalle grotte, fino alla capanna della Natività con in alto una grande stella gialla eseguita con la stessa tecnica.

La struttura del presepe è semplice e lineare ma a renderla eccezionale, unica  e originale sono gli elementi che la compongono, realizzati tutti all’uncinetto.

Si distingue fra tutti i presepi per la fattura precisa e per la raffigurazione di un ambiente storico a dir poco reale.

IMG_2925

 

Grazie a tutti i partecipanti!!!

Presepi Francescani – XII edizione

Tornano a far da cornice al Natale, nel centro storico della città, i Presepi Francescani”.

Giunti all’ XII edizione, i presepi abbelliranno le vie storiche di Copertino, con l’inaugurazione di lunedì 8 dicembre 2014 alle ore 19.00, secondo il seguente percorso:

volpresepi francescani a - Copia

e secondo il seguente calendario:

volpresepi francescani retr - Copia

ed in più:

volpresepi francescani retr - Copia (2)

Copertino Città Natale

StampaLa coccarda simbolo natalizio è stata racchiusa in una forma tonda riconducibile ad una pallina di Natale.

Realizzata con dei colori e forme tipiche natalizie.

Il nome “Copertino Città Natale” vuole dimostrare la forte appartenenza al paese che viene rafforzata dalla presenza in alto della pigna, melograna, arancia e noci, frutta presente nei presepi tradizionali.

GENIUS LOCI: formare ed educare all’incontro tra famiglia, tutela e diritti dei bambini

TESTATA-01

L’Associazione Pro Loco “Fernando Verdesca” di Copertino presenta il progetto “Genius Loci: formare ed educare all’incontro – tra famiglia, tutela e diritti dei bambini”.

Il progetto si colloca all’interno del bando della Regione Puglia relativo alla Programmazione delle attività culturali del triennio 2013/2015.

La campagna di sensibilizzazione ed educazione sul tema della tutela dei diritti dei bambini insieme alla presenza di giovani attenti a questa tematica ha permesso all’Associazione di sviluppare una performance artistica curata dal gruppo Stardust-ProLoco.

Il gruppo composto da giovani con un’età compresa tra i 17 e i 25 anni ha iniziato il suo percorso  all’interno della Pro Loco con grandi speranze e tante idee.

Lo spettacolo cerca di valorizzare i diritti di tutti i bambini del mondo, quei diritti che in realtà già esistono ma sono dei diritti scritti su dei fascicoli di carta che spesso non vengono rispettati, anzi vengono CALPESTATI.

Gli spettacoli si svolgeranno secondo il seguente calendario:

 

 

GENIUS LOCI 15 nov-01

 

 

 

 15 novembre 2014, ore 10.30

 presso l’Istituto Comprensivo “G. Falcone”

 in via Regina Isabella

 

 

 

 

GENIUS LOCI 19 nov-01

 

 

 

 

19 novembre 2014, ore 10.30

presso l’Istituto Comprensivo “San Giuseppe da Copertino”

in via Mogadiscio

 

 

 

 

GENIUS LOCI 21 nov-01

 

 

 

 

 21 novembre 2014, ore 11.00

 presso l’I.I.S.S. “Don Tonino Bello”

 in via Pirandello.

 

 

 

 

GENIUS LOCI 22 nov-01

 

 

 

22 novembre 2014, ore 11.00

presso l’Istituto Comprensivo “G. Strafella”

in via Ten. Colaci

 

 

 

 

 

GENIUS LOCI 23 nov-01

 

 

 

 

 23 novembre 2014, ore 19.00

 presso la Parrocchia B. V. Maria Addolorata

 in via L. da Vinci

 

Scienza e Tecnologie Innovative per il Patrimonio Culturale

Si terrà al Castello di Copertino, Sabato 11 Ottobre 2014 a partire dalle ore 19.30, una serata su Scienza e Tecnologie Innovative per il Patrimonio Culturale, un evento organizzato dal Comune di Copertino e dall’Università del Salento e il CEDAD – Il Centro di Datazione e Diagnostica che ha sede nella Cittadella della Ricerca di Brindisi.

Il CEDAD del Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione dell’Università del Salento, con i suoi laboratori  di Fisica Nucleare, Ottica e Chimica, è una struttura di eccellenza nel panorama internazionale. E’ il primo Centro di ricerca e servizio per la datazione con il radiocarbonio in Italia.

Il professore Lucio Calcagnile, Ordinario di Fisica Applicata e direttore del CEDAD, illustrerà le attività e le tecnologie disponibili al CEDAD e le grandi potenzialità della struttura per lo studio e la valorizzazione il territorio Salentino e, in generale del Mediterraneo. In oltre 10 anni di attività il CEDAD  con i suoi studi ha consentito di stabilire la cronologia assoluta e lo studio di centinaia di siti archeologici misurato circa 15.000 campioni con il radiocarbonio.

Saranno presenti il sindaco di Copertino Sandrina Schito, dell’Assessore alla Cultura  Cosimo Lupo,  personalità politiche ed ecclesiastiche, esperti nazionali del settore e il Magnifico Rettore prof. Vincenzo Zara che dialogherà con il pubblico sul tema “Università e sviluppo locale – Un dialogo per lo sviluppo locale”.

Il professore Lucio Calcagnile proporrà, anche nell’ambito di progetti di ricerca in corso all’Università, uno studio sistematico dei luoghi, degli oggetti, degli affreschi, delle tele, dei resti osteologici piu’ importanti presenti nella Chiesa Madre di Copertino, del Santuario di San Giuseppe da Copertino, della Grottella, della Chiesa di Casole con ricerche finalizzate alla valorizzazione del territorio copertinese.

Saranno presenti anche i sindaci dei comuni della Union 3 e del Salento ai quali verrà chiesto di proporre per il prossimo anno al CEDAD lo studio del loro patrimonio culturale. A Copertino si proporrà un sistema modello da esportare in altri comuni che con la ricerca e le tecnologie innovative possa contribuire alla valorizzazione del territorio. L’Università che mette al servizio del territorio le piu’ avanzate tecnologie presenti nei propri laboratori.

Piu’ in generale, Copertino si candida ad essere una città SMART che vuole applicare al proprio territorio le piu’ innovative tecnologie fisiche, chimiche, informatiche, ingegneristiche mettendole al servizio del cittadini. Un ruolo molto importante avrà il forte legame con l’Università del Salento e il gemellaggio con Cupertino nella Silicon Valley.

ESEC 02 Convegno Castello 11 Ottobre A3

Emissione filatelica sul Santo dei Voli

In questi giorni a promozione del nostro territorio salentino e delle Bellezze in esso custodite come in uno scrigno sempre da scoprire, ricorrendo nel periodo 2013 e 2014 gli Anniversari del 350° del dies natalis di San Giuseppe da Copertino e del 925° di Fondazione della Basilica Pontificia di Sancta Maria ad Nives in Copertino, (Tempio presso il quale il Santo dei Voli ha ricevuto il Sacramento del Battesimo, muovendo i primi passi verso la santità), le Poste Magistrali del Sovrano Militare Ordine di Malta, hanno emesso un pregevole trittico filatelico dal titolo “I Luoghi della Fede”; dedicato alla Basilica di Copertino e ai due Santi Patroni della Città.

 L’Emissione filatelica segue di un anno quella precedente realizzata nel 2013 dalle Poste Spagnole e Patrocinata personalmente da Sua Maestà Re Juan Carlos I di Spagna; l’attuale emissione delle Poste Magistrali del SMOM ha anch’esso un legame storico con i Cavalieri di Malta e la figura di Evangelista Menga Architetto militare diventato cittadino di Copertino e successivamente chiamato dal Gran Principe e Maestro del SMOM sull’Isola di Malta per realizzare la fortificazione dell’Isola a difesa del grande assedio conntro i turchi nel 1565, e per tale motivo poi insignito dell’Ordine del Cavalierato come attestato nei documenti custoditi presso la Biblioteca di Malta.

 Le Poste Magistrali hanno con la presente emissione dato inizio a questa nuova tematica dal titolo I Luoghi della Fede, scegliendo la Città di Copertino con i due Santi Patroni e la Basilica quale espressione del tema.

Sac. Mazzotta Claudio Eupremio

 Basilica Pontificia Sancta Maria ad Nives

Copertino

 

annulloPostale

 

 

Fonte: Diocesi Nardò-Gallipoli

Concorso Fotografico Salento in 4 Scatti – IX edizione

L’unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia della provincia di Lecce, nella convinzione di poter contribuire alla promozione e alla crescita del territorio di riferimento, ha organizzato il 9° Concorso Fotografico Provinciale “Salento in 4 scatti” che prevede, oltre alla raccolta del materiale fotografico, l’allestimento di una mostra all’interno della quale verranno esposte tutte le opere selezionate per la finale.
Si tratta, in sostanza, di una mostra itinerante che avrà avvio con la serata di premiazione a Patù (Le) presso il Palazzo Liborio Romano, e che, in seguito, sarà ospitata in tutti i paesi delle Pro Loco che aderiscono a tale progetto.
Tutto ciò, con lo scopo di favorire la valorizzazione di luoghi, siti e poli archeologici presenti e per molti sconosciuti, auspicando di poter contare sul sostegno di Enti pubblici e privati e su tutti coloro che con il loro impegno contribuiranno al successo dell’iniziativa.

Bando di partecipazione –> Bando-9-edizione salento in 4 scatti

Scheda autore –> scheda autore

manifesto concorso mail (2)

Don Tonino … spettacolo teatrale

Don Tonino:

nato ad Alessano (Lecce) il 18 marzo 1935, Antonio Bello rimarrà sempre, anche quando sarà Vescovo, “don Tonino”.

L’8 dicembre 1957 è ordinato Sacerdote e dopo un anno sarà nominato maestro dei piccoli seminaristi. Nei successivi 18 anni sarà capace di mediare tra severità del metodo ed esigenze giovanili.

Alla fine degli anni ’70 è nominato parroco di Tricase: l’esperienza in parrocchia gli fa toccare con mano l’urgenza dei poveri, dei disadattati, degli ultimi.

Nel 1982 viene nominato Vescovo di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo e Terlizzi e nel 85, presidente di “Pax Christi”.

Rinuncia ai “segni di potere” e sceglie il “Potere dei Segni: nascono così la Casa della Pace, la comunità  per i tossicodipendenti Apulia, un centro di accoglienza per immigrati dove volle anche una piccola moschea per i fratelli Musulmani.

Il 20 aprile 1993, consumato da un cancro, muore senza angoscia e con grande serenità.

 

‘Incontriamo’ don Tonino giovedì 4 settembre alle ore 21.00 sul sagrato di San Giuseppe da Copertino, nel centro storico della città.

4 settembre

Sugar Ladies … il 6 settembre a Copertino!

Il duo “Sugar Ladies” è un nuovo progetto salentino, nato nel 2010, che unisce il Blues a sonorità tipiche del Jazz melodico e del Soul. 

Il Duo si contraddistingue per la capacità di fondere la melodia (piano e voce) con il ritmo delle percussioni suonate contemporaneamente dalla stessa esecutrice, proponendo uno spettacolo originale e di grande impatto emotivo.

Il Duo ha partecipato, nell’ambito dell’Estate Copertinese 2012, alla 3° edizione del Concorso “Music Live” organizzato dal Comune di Copertino classificandosi al primo posto.

Il repertorio include brani di J.Brown, D.Ross, A.Franklin, Nina Simone, M. Boublè, B. Russel, M. Jackson ed altro, con versioni personalizzate e adrenaliniche che catturano fin dal primo ascolto.

Paola Lezzi: Piano e Percussioni

Eleonora Pascarelli: voce ed effetti ritmici

 

Per chi volesse ascoltarle, vi aspettiamo sabato 6 settembre alle ore 21.00 presso Palazzo di Città a Copertino.

 

6 settembre