Itinerario Josefino – 2^ Ristampa

L’Associazione Pro Loco ha realizzato la seconda ristampa della brochure “Itinerario Josefino” per i turisti, al fine di guidarli per le vie del centro ed indirizzarli nei luoghi legati al Santo dei Voli.

Copia di BROCHURE A SOFFIETTO-01

Stampa

Stampa

Si ringrazia per la collaborazione:

  • Città di Copertino
  • Istituto Comprensivo “San Giuseppe da Copertino”
  • Associazione “Cantieri Josefini”

 

Si ringraziano per la realizzazione della brochure:

dorabella

bebdellaporta

barsansone

bcc

copertinodayclinic

farmaciaportaluri

lepleiadi

ludovicogreco

manutenpower

nuovagrottella

otticavista

pcclinic

puntosnai

real market

Presepi Francescani – XII edizione

Tornano a far da cornice al Natale, nel centro storico della città, i Presepi Francescani”.

Giunti all’ XII edizione, i presepi abbelliranno le vie storiche di Copertino, con l’inaugurazione di lunedì 8 dicembre 2014 alle ore 19.00, secondo il seguente percorso:

volpresepi francescani a - Copia

e secondo il seguente calendario:

volpresepi francescani retr - Copia

ed in più:

volpresepi francescani retr - Copia (2)

Cinema Bellezza … cinema nei quartieri

Ritorna il CINEMA BELLEZZA a Copertino, e questa volta nelle periferie della città!

Con l’ormai atteso appuntamento di CINEMA BELLEZZA – un cinema inesistente per davvero che però si materializza all’improvviso, in un luogo insolito, un bene comune, un quartiere della città di Copertino, ASSAY, in collaborazione con Apulia Film Commission e Comune di Copertino, propongono un ciclo di tre proiezioni di pellicole girate in Puglia, nelle periferie della città. Se i primi appuntamenti hanno visto il Centro Storico come quartiere socio-culturale in cui disseminare Arte e Cinema tra la gente, i prossimi tre appuntamenti vedranno il CINEMA BELLEZZA spostarsi nelle periferie della città (Casole e La Grottella), proprio per continuare il percorso di riappropriazione di Bellezza e di luoghi di Cultura, per favorire l’incontro e la fruizione di nuovi immaginari, per sensibilizzare le coscienze al patrimonio artistico e paesaggistico della città, e innescare dibattiti, scambi intergenerazionali, ulteriori itinerari turistici, rigenerazione e sviluppo socio-economico.

Qui il calendario previsto, alla presenza dei registi, cast & crew, e in conversazione con la giornalista tv Azzurra De Razza.

  •  27 agosto, ore 20.30, presso la Chiesa di Santa Maria di Casole, il regista Edoardo Winspeare, lo sceneggiatore Alessandro Valenti, il produttore-attore Gustavo Caputo, e l’attrice Barbara De Matteis saranno nuovamente a Copertino con il film ”In grazia di Dio”. Per chi se lo fosse perso questa è l’occasione giusta per recuperare tale mancanza!

 

  •  9 settembre, dalle ore 20.30, presso la Chiesa di Santa Maria di Casole, accoglieremo per la prima volta a Copertino il regista Daniele Ciprì, con il suo ”È stato il figlio” – film girato a Brindisi, con uno splendido Toni Servillo. Regista culto di CinicoTV (Ciprì&Maresco), il regista ha appena terminato il suo secondo lungometraggio ”La Buca”, in sala a partire da fine settembre. Durante la serata aspettiamoci incursioni dal mondo dello spettacolo glocal!

 

  •  23 settembre, dalle ore 20.30, nel Chiostro del Vescovo presso il Santuario di Santa Maria della Grottella, sempre a Copertino, sarà la volta de ”L’Uomo Nero” di Sergio Rubini. Un film sui segreti di famiglia in cui la coppia Scamarcio – Golino interpreta i ruoli prinicipali ma nelle vesti di fratello e sorella!

 

CINEMA BELLEZZA è ideato e organizzato da ASSAY

in collaborazione con Apulia Film Commission e Comune di Copertino

per  ”C’è Copertino Estate 2014” Assessorato alle Politiche Culturali – Promozione del Territorio – Turismo – Politiche giovanili e il supporto dell’Associazione Fra Silvestro;  Cupertinum – Antica Cantina del Salento 1935; Guida Costruzioni srl, Copertino – Costruzioni Edili e Restauro.

 

a3 per stampa cinema nei quartieri

Scatta Moi!!! – Esposizione Foto!!!

Cari amici,

volge al termine la raccolta di adesioni per il Concorso Fotografico “Scatta Moi!” (data ultima il 30 marzo p.v.).  Come da bando, nel mese di aprile ci sarà l’esposizione delle foto partecipanti presso la Sala Civica – via Verdi, Copertino – che seguirà il seguente orario:

Orari apertura Mostra Fotografica - Scatta Moi!!!

Orari apertura Mostra Fotografica – Scatta Moi!!!

Serata inaugurale: sabato 13 aprile 2013 alle ore 18.30.

Premiazione: domenica 21 aprile 2013 ore 18.30.

Per info rivolgersi ad Associazione Pro Loco.

Locandina Esposizione Foto - Scatta Moi!!!

Locandina Esposizione Foto – Scatta Moi!!!

“Scatta moi!!!”

SCATTAMOI_LOCANDINA_web

Ultime notizie: RINVIO data scadenza adesioni al 30 Marzo…veloci mancano pochi giorni!!! 🙂

Concorso Fotografico sul Centro Storico

«Obiettivo del concorso»

…Copertino è piena di segni, di simboli, di ferite, di bellezze nascoste. E’ un pezzo della nostra storia che molto spesso passa nell’indifferenza del tempo. Vorremmo cominciare a conoscere i nostri tesori attraverso la fotografia, nel momento in cui si comincia ad amarli, a fotografarli.

Questo modo di comunicare diventa reale, tangibile, una traccia indelebile che fa parte della nostra cultura e del nostro tempo.  

Oggetto del Concorso sono il Centro Storico e il Convento di S. Maria di Casole(*), come nucleo originario della città di Copertino.

 Chi siamo

Le associazioni di Copertino (Associazione “Vico Serpe” Laboratorio di Idee, Associazione Pro Loco “F. Verdesca”, Casello 13, Compagnia DOS, Associazione Fra’ Silvestro  e  AGESCI COPERTINO 1) si impegnano nella promozione e nella diffusione della cultura, ora anche attraverso la fotografia. Questo concorso fotografico ha il merito di essere accessibile a tutti, non richiedendo necessariamente la disponibilità di strumentazioni particolarmente onerose. Più precisamente, il concorso, aperto alla partecipazione di professionisti e non, provvederà all’assegnazione di 3 premi alle fotografie che le giurie riterranno maggiormente meritevoli.  Le migliori  fotografie  partecipanti  saranno  oggetto  di  una  mostra,  della durata di una settimana.

REGOLAMENTO

1) La partecipazione è aperta a tutte le varietà di fotografia (analogica/digitale) e a concorrenti di tutte le età.

2) I concorrenti garantiscono alle associazioni di essere interamente titolari dei copyright (diritti d’autore) delle opere presentate. Inoltre, i concorrenti, devono garantire (e si impegnano a tenere indenne l’organizzazione contro eventuali pretese di terzi al riguardo) che le immagini e i relativi diritti che l’autore conferisce all’organizzazione non ledano alcun diritto di terzi e che, pertanto, per le immagini  che  ritraggono  persone  per  le  quali  è  necessario  ottenere  uno  specifico assenso, l’autore abbia ottenuto l’adeguata liberatoria.

3) La decisione dei giudici è inappellabile e non potrà essere oggetto di discussioni né di corrispondenza. Le giurie giudicatrici saranno: tecnica, popolare e delle associazioni.

4) Le sezioni per cui partecipare sono:

Macchina fotografica a soffietto (anni '50)

Macchina fotografica a soffietto (anni ’50)

 

  • VINTAGE: fotografie analogiche, per chi ama le fotografie nel “vecchio” stile con rullino e macchina fotografica;

 

  • Macchina digitale

    Macchina digitale

    HI-TECH: fotografie digitali, fatte con tablet, telefonini e smartphone, fotocamere digitali, per chi ama l’innovazione. Non sono ammesse elaborazioni digitali, cioè fotografie post-elaborate o manomesse (tolti artificialmente elementi di disturbo come cassonetti, cavi elettrici, persone, auto e correzioni prospettiche).

5) Si possono presentare fotografie in B/N e/o COLORE, per entrambe le sezioni, VINTAGE (Fotografie Analogica) e HI-TECH (Fotografie Digitali), NON sono ammesse diapositive.

Le fotografie possono essere state fatte anche in anni passati, purché l’autore della fotografie sia il partecipante al concorso e possa garantire quanto concerne il punto 2 di questo regolamento.

Copertino: “Tavolate di San Giuseppe” degli anni ’50 del XIX sec.

Copertino: “Tavolate di San Giuseppe” degli anni ’50 del XIX sec.

6) Ogni concorrente può presentare da 1 a 3 fotografie. Verrà premiata una singola fotografia, ed ogni autore potrà ricevere un solo premio dei tre stabiliti. Le stampe dovranno avere dimensioni tali da rientrare nel supporto su cui dovranno essere montate (cartoncino rigido nero di 35x40cm) che recherà sul retro il nome dell’autore e il titolo dell’opera in concorso. Le fotografie consegnate non verranno restituite e resteranno negli archivi del concorso.

7) La partecipazione al concorso prevede il versamento di una quota di partecipazione di € 5,00 per fotografia con rilascio di ricevuta.

8) La/Le fotografie, insieme alla scheda di partecipazione, dovranno essere consegnate in busta chiusa presso la sede dell’Associazione Pro Loco di Copertino – via Margherita di Savoia, 71 – 73043 Copertino.

Al momento della consegna, sulla busta verrà apposto un numero di riferimento in ordine progressivo in base all’arrivo in sede, che verrà utilizzato per l’esposizione durante la mostra.

9) La busta, contenente la scheda di partecipazione e la/le fotografie su supporto, dovrà pervenire entro e non oltre il 23 marzo 2013, termine oltre il quale non sarà più accolta alcuna adesione.

10) Le opere di tutti i partecipanti saranno pubblicate sul sito delle associazioni promotrici.

11) Con la compilazione della scheda si autorizzano le associazioni al trattamento dei dati personali (legge 675/96 tutela della Privacy).

12) Ogni fotografo, con la firma che appone sulla scheda di iscrizione, accetta tutte le condizioni presenti sul regolamento.

 

PREMI

 13) Saranno assegnati 3 premi in buoni d’acquisto dal valore di € 100,00/cad:

  • Premio VINTAGE: le fotografie saranno valutate al 50% dalla giuria tecnica e al 50% dalla giuria popolare
  • Premio HI-TECH: le fotografie saranno valutate al 50% dalla giuria tecnica e al 50% dalla giuria popolare
  •  Premio Associazioni: le fotografie di entrambe le categorie saranno valutate dalle associazioni promotrici

14) Le giurie valutatrici saranno 3:

  • GIURIA TECNICA – Una giuria di esperti in campo artistico – culturale, giornalistico, editoriale e fotografico, selezionerà le opere premiate dal concorso.
  • GIURIA POPOLARE – Durante l’esposizione delle fotografie in concorso, i visitatori potranno esprimere una preferenza.
  • GIURIA ASSOCIAZIONI – Le Associazioni promotrici premieranno la fotografia più significativa.

15) ESPOSIZIONE E PREMIAZIONE – Le fotografie saranno esposte presso la Sala Civica del Comune di Copertino sita in via Verdi, nel mese di Aprile 2013, con premiazione dei vincitori nell’ultima giornata..

16) Ad ogni partecipante verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

La scheda di partecipazione è scaricabile dal sito www.prolococopertino.it e dal sito del Comune di Copertino, ma potrà anche essere ritirata presso la sede della Pro Loco di Copertino, presso il “Bar ‘900”  e la “Farmacia Portaluri”siti in via Re Galantuomo, l’ “Ottica De Paolis” in via C. Mariano e “Le Vetrine” in via A. Diaz.

(*)NOTA BENE: Per poter fare le foto al Convento di Santa Maria di Casole, consigliamo di telefonare a Don Francesco Rizzo (333.98.22.705), al fine di non trovare chiuso.

ALLEGATI

Bando_ScattaMoi

SchedaAdesioneScattaMoi

Convento di Santa Maria di Casole

casole copertinoSulla via Copertino-Nardò, a qualche chilometro dal centro abitato, s’innalzano le rovine del convento di Santa Maria di Casole.

Casole, dagli inizi del ‘500 al 1812, è stato un centro monastico di grande importanza religiosa e culturale. La chiesa e il convento, in stile tardo romano-gotico, sorsero agli inizi del XVI secolo su un preesistente luogo di culto di origine bizantina.

Per iniziativa di Giovanni Castriota, conte di Copertino, tra il 1512 e il 1514, vi si insediarono inizialmente i Francescani dell’Osservanza, cui subentrarono, alla fine del secolo, i Riformati.

Casole conobbe tra le sue mura il fervore pastorale del Beato Fra Silvestro Calìa (1581-1621) e i primi aneliti alla perfezione francescana del giovane Giuseppe Desa (il Santo dei Voli).

Quando Giuseppe Desa manifestò la volontà di farsi frate, ai Padri Riformati la domanda dovette sembrare tanto assurda che, per imprecisati e pretestuosi motivi, ne differirono l’accettazione.